Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Visto per gara sportiva

 

Visto per gara sportiva

Il visto per gara sportiva consente l’ingresso in Italia alla persona o al gruppo sportivo che è stato invitato a partecipare alle attività o varie manifestazioni di carattere sportivo.

Ogni cittadino del Kosovo che chiede il visto d’ingresso in Italia per gara sportiva deve presentare domanda di visto personalmente presso lo Sportello dei visti dell’Ambasciata d’Italia a Pristina il giorno e l’ora fissata per consegnare al personale incaricato “il formulario della domanda di visto” con due fotografie secondo gli standard ICAO, compilato in ogni sua parte in carattere stampatello.

Alla domanda di visto devono essere allegati i seguenti documenti con una fotocopia:

1. Passaporto o documento di viaggio in corso di validità almeno fino alla scadenza del visto richiesto;

2. Nulla osta o comunicazione scritta del C.O.N.I. o della Federazione sportiva italiana che confermi la partecipazione dell’interessato all’attività sportiva e richiede il rilascio del visto d’ingresso;

3. Invito del Club sportivo italiano con il programma dell’evento sportivo;

4. Attestato della federazione di appartenenza del Kosovo, in cui si attesta la qualifica e l’adesione del gruppo sportivo alla federazione;

5. Attestato del club sportivo di appartenenza in cui si certifica la qualifica dello sportivo invitato;

6. Documentazione della copertura dei mezzi di sussistenza per il soggiorno in Italia (se non sono a carico dell’ente invitante italiano);

7. Documentazione riguardante il soggiorno in Italia: prenotazione alberghiera o dichiarazione di ospitalità, firmata dal rappresentante legale dell’Ente invitante in Italia con una fotocopia della carta d’identità.

8. Documentazione riguardante la situazione sociale e professionale in Kosovo:

- per lavoratori a contratto: contratto di lavoro, attestato del datore di lavoro in cui deve essere indicato: la data di inizio di lavoro, la qualifica professionale e lo stipendio mensile, nonché un attestato rilasciato dall'Amministrazione delle tasse che certifica il pagamento dei contributi pensionistici e dell'imposta salariale;

- per gli studenti: certificato di iscrizione rilasciato dalla scuola o dalla Facoltà, contratti di lavoro dei genitori, attestato del datore di lavoro di quest'ultimi dove venga indicato: la data d’inizio di lavoro, la qualifica professionale e lo stipendio mensile, nonché un certificato rilasciato dall'Amministrazione delle tasse che certifica il pagamento dei contributi pensionistici e dell'imposta salariale;

- per i pensionati: accrediti di pensioni;

- per i disoccupati: certificato di disoccupazione rilasciato dal Centro per l'assistenza sociale del Comune di residenza;

9. Documentazione riguardante la propria posizione economica e finanziaria in Kosovo:

- attestato di proprietà immobiliari in Kosovo;

- estratto conto bancario in originale (non fotocopiato/scannerizzato) personale/familiare/impresa, timbrato e firmato dalla banca, con i movimenti dell’ultimo anno;

- fotocopia di carte di debito o di credito bancario (anteriore);

10. Documentazione riguardante i mezzi di trasporto: biglietto aereo di andata/ritorno, se si viaggia in veicolo, fotocopia dei documenti del veicolo; se si viaggia in autobus organizzato, oltre ai documenti di circolazione dell’autobus anche il contratto di trasporto.

11. Documenti attestanti precedenti soggiorni nello spazio Schengen: una fotocopia dei visti Schengen;

12. Assicurazione sanitaria internazionale riconosciuta dall’Ambasciata d’Italia a Pristina. La polizza deve essere firmata da une delle compagnie di assicurazione in seguito: DUKAGJINI, ELSIG, EUROSIG, ILLYRIA, KOSOVA E RE, PRISIG, SCARDIAN, SIGAL UNIQA GROUP AUSTRIA, SIGKOS, SIGMA INTERALBANIAN VIENNA INSURANCE GROUP, SIGURIA; deve essere valida per tutto lo spazio Schengen che copre eventuali spese sanitarie e di pronto intervento, ricovero ospedaliero, rimpatrio per malattia o per decesso, con copertura non inferiore a Euro 30.000.

N.B.: Le suddette compagnie di assicurazione sono in ordine alfabetico e non si esprime in alcun modo nessuna preferenza da parte del Settore Visti di questa Ambasciata.

13. Solo per minori sotto i 18 anni:

- certificato di nascita del minore legalizzato dal Dipartimento di stato civile del Ministero dell’Interno, Pristina;

- assenso dei genitori all’espatrio, rilasciato davanti al funzionario per i visti presso l’Ambasciata d’Italia a Pristina, tramite una dichiarazione che entrambi i genitori (o il genitore che rimane in Kosovo) firmano di persona davanti al funzionario o da un notaio.


368