Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La lingua italiana in Kosovo: una settimana all'insegna di letteratura, giochi, musica e film

Data:

16/10/2022


La lingua italiana in Kosovo: una settimana all'insegna di letteratura, giochi, musica e film

Dal 17 al 23 ottobre si celebra la XXII edizione della "Settimana della lingua italiana nel mondo" all’insegna del tema “L’italiano e i giovani. Come scusa? Non ti followo”. Nata nel 2001 in collaborazione con l’Accademia della Crusca, è realizzata dalla Rete diplomatico-consolare e dagli Istituti Italiani di Cultura, con il sostegno del Ministero della Cultura, del Ministero dell’Università e della Ricerca, del Governo svizzero e dei principali partner della promozione linguistica.

La scelta di dedicare la Settimana alle nuove generazioni risponde alla volontà di veicolare “ai giovani attraverso i giovani” la contemporaneità della lingua e della cultura italiane. Le nuove generazioni non rappresentano solo il pubblico privilegiato dell’iniziativa, ma anche e soprattutto i suoi protagonisti, perché una lingua che evolve non può prescindere dai giovani. La Settimana intende dunque porsi come una piattaforma di ascolto e di dialogo tra le istituzioni e coloro che di questa contemporaneità sono i principali artefici così da valorizzare, in Italia e all’estero, l’immagine di una lingua e di un Paese forte del proprio passato, ma allo stesso tempo vivo e creativo nel presente.

Per la "Settimana", l'Ambasciata d'Italia a Pristina, in collaborazione con la Facoltà di Filologia dell'Università "Hasan Prishtina", la Scuola "Don Bosko", il "Centro Dante", la Fondazione "Kino Armata" e la "Dukagjini Bookstore" offre una serie di eventi dedicati a un pubblico con interessi distinti.

La settimana inizia con due mattinate (lunedì 17 e martedì 18 ottobre) dedicate ad attività ludiche in lingua italiana che coinvolgeranno allieve e allievi di italiano delle classi elementari, medie e superiori della scuola "Don Bosko" di Pristina.

Giovedì 20 ottobre alle 16:00, nell'aula Magna "Idriz Ajeti" della Facoltà di Filologia dell'Università "Hasan Prishtina", sarà presentata la commedia "L'intrepido" di Gianni Amelio (italiano con sottotitoli in inglese), un film che descrive con leggerezza le difficoltà e quindi l'importanza del rimanere "umani" in vite connotate dalla precarietà; la proiezione verrà preceduta da un momento musicale offerto da Arjeta Krosa e Rrezarta Ramadani (di Bellini, "Cara luna"; da Le nozze di Figaro di Mozart "L'ho perduta ... me meschina"; da La cenerentola di Rossini "Non più mesta").

Venerdì 21 ottobre alle 17:00, presso la Libreria Dukagjini a Pristina, Aida Baro, caporedattrice della casa editrice “Pegi”, presenterà la recente traduzione in albanese del romanzo La vita interiore di Alberto Moravia (il dialogo con il pubblico avrà luogo in albanese e in italiano).

La rassegna si concluderà sabato 22 ottobre alle 19:00, presso la sala cinematografica “Kino Armata” a Pristina, con la proiezione della commedia "La nostra terra" di Giulio Manfredonia" (in italiano con sottotitoli in inglese, ingresso gratuito), che rappresenta le vicissitudini di un gruppo di scombinati giovani idealisti membri di una cooperativa sociale dell’Italia meridionale, alle prese con le complessità nel gestire un'azienda agricola data loro in concessione dallo Stato su terreni confiscati alla criminalità organizzata. Introduce il film (in albanese) la Direttrice del “Centro Dante” di Pristina, Arjeta Berisha. 

«Sono particolarmente lieto di presentare il programma della “Settimana della lingua italiana nel Mondo”, quest'anno incentrato sui giovani, all'inizio di un anno scolastico e accademico che evidenzia un forte interesse in ogni fascia d'età, dai bambini agli adulti, per l'apprendimento della nostra lingua, anche attraverso corsi sostenuti fattivamente dalla nostra Ambasciata. Al di là del valore intrinseco dello scambio culturale fra i nostri due Paesi, che è sempre più intenso, l'esperienza ci sta mostrando quante opportunità di studio e di lavoro si aprono a chi in Kosovo ha una buona padronanza dell'italiano», ha spiegato l’Ambasciatore Antonello De Riu.

 

Approfondimenti


Luogo:

Pristina

Autore:

Ambasciata d'Italia in Kosovo

505