Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

La musica: un ponte fra i popoli. Scuole di musica per la pace 2018

Assieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, a quello dell’Istruzione, Università e Ricerca Scientifica ed a numerosi altre Istituzioni ed Enti italiani, nonché al Ministero della Cultura, Gioventù e Sport della Repubblica del Kosovo ed alla Municipalità di pristina, l’Ambasciata d’Italia a Pristina ha patrocinato anche nel 2018 l’iniziativa “La musica: un ponte fra i popoli. Scuole di musica per la pace” che l’Onlus IPSIA (Istituto Pace Sviluppo innovazione ACLI) di Forlì-Cesena ha organizzato nella settimana dal 14 al 19 luglio 2017 a Pristina, Prizren e Djakova. Anche l’Ambasciatore d’Italia in Kosovo è intervenuto al ‘Concerto dei Docenti’, svoltosi il 14 luglio presso la sala anfiteatro dell’Università di Pristina.

Il progetto – che dal 2013 vede collaborare proficuamente numerosi molti Enti, italiani e kosovari – propone un partenariato fra le scuole di musica di Forlì e diverse istituzioni musicali dell’area balcanica: dal Kosovo al Montenegro, dall’Albania alla Macedonia ed alla Serbia. Con tale iniziativa la musica diviene, grazie al suo peculiare carattere di linguaggio senza parole, uno strumento per costruire “ponti fra i popoli” nell’ottica di favorire i rapporti fra comunità e tra i giovani provenienti da vari Paesi della regione, con l’obiettivo di creare occasioni culturali e per prendere contatto e conoscere le realtà dei rispettivi Paesi per giovani artisti dei vari Paesi della regione, che presentano notevoli affinità, anche per quanto riguarda la storia e le relazioni tra le loro varie componenti. L’iniziativa prevede uno scambio di esperienze focalizzate sull’ambito musicale ed è prioritariamente indirizzata, attraverso una settimana di summerclass a Prizren, ai giovani delle scuole e prevede sia momenti di studio e formazione sia alcuni concerti serali, degli allievi e dei docenti, che quest’anno si svolgono sia a Pristina che a Prizren ed a Gjakova.