Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Italian Design Day in Kosovo: tavola rotonda con studenti e professionisti

FB IG_Post

In occasione dell’Italian Design Day 2024 (IDD), l’Ambasciata d’Italia in Kosovo, l’Ufficio ICE di Tirana (ITA/ICE) e l’Ateneo UBT (University of Business and Technology) ospitano una tavola rotonda con gli studenti di Architettura e Design, oltre che con una rappresentanza di professionisti del settore. Ad approfondire con loro il tema della rassegna di quest’anno – “Fabbricare valore – inclusività, innovazione e sostenibilità” – ci sarà Luisa Collina, architetto e docente ordinario di Design presso il Politecnico di Milano. L’appuntamento è per giovedì 21 marzo alle ore 11 negli spazi della Biblioteca presso l’Innovation Campus UBT a Lipjan, non lontano da Pristina. Con la testimonial italiana interagiranno il Rettore di UBT Edmond Hajrizi e il il Vice Capo Missione Ugo Ferrero.

“Il tema dell’IDD di quest’anno, su cui rifletteremo insieme agli studenti e alla nostra testimonial, intende affrontare questioni di forte impatto per il futuro del pianeta: il valore del processo produttivo, che coniuga tradizione e artigianalità con le tecniche più moderne in termini di innovazione e sostenibilità ambientale. Qualità, quindi, ma anche inclusione: l’oggetto di design italiano non vuole infatti indirizzarsi a una nicchia di clienti, ma intende essere destinato a un pubblico ampio di acquirenti consapevoli, e qualità come fattore di rinnovamento, di sviluppo sostenibile e responsabile”, spiega il Vice Ambasciatore Ferrero.

Per Collina, che ha al suo attivo diverse collaborazioni con imprese per programmi di ricerca internazionali e progetti di innovazione strategica nel design, “il processo è il fulcro, perché diventa un elemento formale anche distintivo, che dà identità al risultato finale, come una firma. Grazie all’utilizzo efficiente delle risorse e alla tecnologia innovativa è possibile migliorare i prodotti e i processi per generare valore e promuovere la sostenibilità”.

Per il Rettore UBT Hajrizi, “l’Italian Design Day e la possibilità di confrontarsi con una rinomata professionista del settore come la Prof.ssa Collina rappresentano una preziosa opportunità per i nostri studenti e il nostro corpo docente: come istituzione siamo infatti impegnati a promuovere l’innovazione e la creatività e, a questo riguardo, siamo interessati ad approfondire gli aspetti unici e l’iconicità del sistema design italiano. Allargando lo sguardo, siamo profondamente grati all’Ambasciata d’Italia per le recenti iniziative congiunte, non da ultima l’attivazione di un lettorato interamente sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri che ci ha permesso di includere l’insegnamento della lingua italiana nella nostra offerta formativa”.

Accanto all’evento ospitato da UBT, in occasione dell’Italian Design Day 2024 sono in programma una serie di attività promozionali del “Made in Italy”, a cura dell’Ufficio ICE. In calendario speciali esposizioni e scontistiche presso diversi punti vendita nelle principali città kosovare, soprattutto presso i canali locali della grande distribuzione. Nello stesso filone rientra anche una innovativa mostra su Pinocchio, a cura di ADI Design Museum, che sarà inaugurata al “Prishtina Mall” il 6 aprile e che  resterà aperta fino alla fine del mese.

L’Italian Design Day è la rassegna tematica lanciata dal Ministero italiano degli Affari Esteri in collaborazione con il Ministero della Cultura. Consiste in un ampio programma di eventi promozionali in tutto il mondo, realizzati dalla rete delle Ambasciate, dei Consolati, degli Istituti Italiani di Cultura e degli Uffici ICE all’estero: ogni anno, per questa occasione, oltre cento testimonial si fanno narratori del design e della creatività del Paese. La rassegna si è affermata come un efficace strumento di sostegno alla promozione del design e all’internazionalizzazione di un comparto industriale strategico per l’export italiano, cosi come di impulso alla componente educativo-formativa, favorendo l’interazione del sistema di alta formazione con le comunità creative estere per promuovere l’offerta formativa in Italia nei campi del design e delle industrie creative per la crescita di nuovi talenti e professionalità.