Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

KFOR: conclusa la missione dei Paracadutisti della “Folgore”

1

L’unità italiana del Battaglione di Riserva Operativa della missione Kfor a guida Nato ha concluso il suo schieramento di quattro mesi in Kosovo, con una cerimonia tenutasi a Peja (Pec). Ne dato notizia Kfor in un comunicato. L’unità era composta dal 186° reggimento paracadutisti della “Folgore” e dal personale aggiuntivo dell’Esercito Italiano e dei Carabinieri. Il Colonnello Giovanni Corrado, Comandante del Reggimento “Folgore”, è stato insignito di una medaglia al merito della Nato, quale riconoscimento dei suoi eccellenti servizi. “Vorrei che questo fosse un momento di riconoscimento dello spirito con cui questo splendido ed eterogeneo gruppo di persone ha affrontato e portato a termine la propria missione”, ha affermato Corrado. Il Vice Comandante della Kfor, Generale di Brigata Federico Bernacca, ha sottolineato da parte sua i continui sforzi della missione Nato in tutto il Kosovo per garantire un ambiente sicuro e protetto e la libertà di movimento a beneficio di tutte le comunità. Ugo Ferrero, Vice Ambasciatore d’Italia in Kosovo, ha dichiarato che il contributo significativo dell’Italia alla Kfor negli ultimi 25 anni è stato sinonimo di fiducia e professionalità, riconosciuti da tutte le parti coinvolte. Alla cerimonia hanno preso parte numerose autorità civili e militari, tra cui il Comandante della Missione Ue sullo Stato di Diritto (Eulex), Generale di Divisione Pietro Barbano, il Comandante del Kfor Regional Command West, colonnello Francesco Ferrara, il Comandante dell’Unità Specializzata Multinazionale (Msu) , colonnello Massimo Rosati, e il Comandante dei Carabinieri del Comando Regionale Ovest, maggiore Francesco Giangreco.

Agenzia Ansa