Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visto per studio

Il visto per studio consente l’ingresso in Italia, per soggiorni di breve o lungo periodo, finalizzati ad attività di studio, formazione professionale o tirocinio formativo. Ogni cittadino del Kosovo che chiede il visto d’ingresso in Italia per studio deve presentare domanda di visto personalmente presso lo Sportello dei visti dell’Ambasciata d’Italia a Pristina il giorno e l’ora fissata per consegnare al personale incaricato “il formulario della domanda di visto” con due fotografie secondo gli standard ICAO, compilato in ogni sua parte in carattere stampatello.

Alla domanda di visto devono essere allegati i seguenti documenti con una fotocopia:

1. Formulario per visto C (se la durata di studi è meno di 90 giorni: prenotazione volo (andata e ritorno + assicurazione sanitaria) oppure formulario per visto D (se la durata di studi è oltre i 90 giorni), disponibili gratuitamente all’ingresso dell’Ambasciata.

2. Lettera d’iscrizione all’università italiana inviata via mail dall’università all’indirizzo visti.pristina@esteri.it + copia cartacea stampata dall’interessato;

3. In caso di assenza di borse di studio, occorre dimostrare la disponibilità di mezzi di sussistenza adeguati al soggiorno in Italia. In caso di mancanza di autonomia finanziaria, occorre presentareuna dichiarazione notarile(qualora il documento originale non sia disponibile in inglese o italiano, dovrà essere tradotto in lingua italiana da un traduttore giurato riconosciuto da questa Ambasciata)che specifichi chicoprirà le spese per lo studente, comprensiva di

– copia dei contratti di lavoro (qualora il documento originale non sia disponibile in inglese o italiano, dovrà essere tradotto in lingua italiana da un traduttore giurato riconosciuto da questa Ambasciata) o la visura camerale (kosovara) se hanno attività d’affari.

4. Alloggio. Lettera dall’università in cui risulta che lo studente alloggerà presso struttura universitaria, oppure un contratto d’affitto in Italia (inviato per email dal proprietario italiano in allegato con un documento di riconoscimento), oppure dichiarazione di ospitalità o una prenotazione hotel se si è in attesa di alloggio per la struttura universitaria (se citato nella lettera dell’università);

5. Titolo di laurea dell’università kosovara (timbrato dal Segretario Generale del Ministero di Educazione del Kosovo (l’originale serve solo per visione dell’Ambasciata). Qualora il documento originale non sia disponibile in inglese o italiano, dovrà essere tradotto in lingua italiana da un traduttore giurato riconosciuto da questa Ambasciata.

6. Eventuale corrispondenza via email con l’università italiana (copia cartacea)

7. Certificato di riconoscimento della lingua italiana o inglese (in base alle richieste dall’Università).

8. Per visti di corto soggiorno C, assicurazione sanitaria internazionale valida per lo spazio Schengen che copre eventuali spese sanitarie e di pronto intervento, ricovero ospedaliero, rimpatrio per malattia o per decesso, con copertura non inferiore a Euro 30,000.